top of page

Perché l'estate non è necessariamente il momento migliore per scoprire la Mongolia....
La Mongolia è un vasto territorio incuneato tra i suoi due immensi vicini, Cina e Russia.
Il clima è ipercontinentale, il che fa della Mongolia il Paese più lontano da qualsiasi oceano,
Il clima è ipercontinentale, con estati piuttosto calde (30/35°C)

e inverni rigidi (le temperature possono scendere fino a -40°C).

 

Naturalmente, in estate la Mongolia ha molto da offrire: paesaggi verdeggianti, yurte che punteggiano

le vaste steppe, pascoli e bestiame.
le vaste steppe, dove pascolano mandrie di yak, cavalli, capre e pecore.

Naturalmente c'è molto da fare e da scoprire, e in estate le strutture turistiche sono pronte ad accogliervi.

Quanto ai paesaggi, sono fedeli all'immaginario della Mongolia.
Ma fuori stagione la steppa è più aperta ai viaggiatori, le famiglie nomadi sono più disponibili e

il clima è decisamente migliore.
Le famiglie sono più disponibili e il tempo è molto più stabile, poiché i cambiamenti climatici interessano anche la

"terra degli eterni cieli blu".
 

Durante l'estate, il caldo si abbatte sulle steppe polverose e le famiglie nomadi sono impegnate nella cura del bestiame.

Devono badare a tutto il bestiame, fare la mungitura serale, lavorare il latte e così via.
I nomadi sono meno disponibili e anche se il loro leggendario senso dell'ospitalità non è mai in
ma non c'è nulla di paragonabile a quello che si può sperimentare in primavera o in autunno.
Ecco alcune idee che potrebbero incoraggiarvi a venire in Mongolia,
in autunno o in primavera, e anche in inverno.


Il clima ipercontinentale del Paese dà luogo a stagioni piuttosto brevi e molto marcate.
stagioni. La primavera e l'autunno si riassumono così in 2 brevi mesi, offrendo ai viaggiatori un'esperienza condensata

della natura, una sorta di "paese delle meraviglie invernale".
natura condensata, una sorta di "time-lapse" durante il quale è possibile vedere la natura evolversi,

la vita evolvere nelle steppe mongole.
 

In primavera, durante questa breve stagione che va da metà aprile a metà giugno, le steppe diventano verdi e

i fiori sbocciano ovunque.
ovunque, tingendo di giallo e di viola le distese del risveglio e dando loro l'aria di quadri pastello.
dipinti a pastello, i nomadi sono assorbiti dalla farandola delle nascite e, in pochi giorni, la steppa, deserta,

si trasforma in un'altra steppa.
giorni, la steppa, deserta durante i 6 mesi d'inverno, torna a vivere. Sono momenti privilegiati per un viaggiatore
Sono momenti privilegiati per un viaggiatore, che può scoprire la vita dei nomadi in questi mesi di gioia e buonumore.

Le famiglie lasciano le loro capanne invernali e scendono lentamente verso le valli, dove si accampano.
Le famiglie lasciano le loro capanne invernali e scendono lentamente verso le valli, dove si accampano, per allestire

gli accampamenti primaverili con il bestiame sopravvissuto ai rigori dell'inverno. 

La primavera è sinonimo di tutte le loro speranze, con migliaia di nascite che arrivano nel giro di pochi giorni,

come per magia !  

Presto arriva il momento della mungitura, in particolare delle giumente, accompagnata dalla cerimonia di

per preparare il famoso Airag (latte di cavalla fermentato) dalle note virtù.

L'autunno va dalla fine di agosto alla fine di ottobre. Si tratta di un punto di svolta molto
importante nella vita delle steppe; è il momento in cui i nomadi devono prepararsi per l'inverno.
Ma paradossalmente è un periodo in cui sono più tranquilli, con meno lavoro da fare con il bestiame giovane.
meno lavoro con il bestiame giovane, non devono più preoccuparsi di trovare i pascoli migliori, le mandrie hanno già

fatto la maggior parte del lavoro.
le mandrie avranno già sfruttato al massimo l'estate e saranno molto grasse.


Ecco perché i matrimoni vengono spesso celebrati in questo periodo dell'anno.

In autunno, potrete godere di giornate superbe, con meno caldo e meno polvere
e, soprattutto, l'incomparabile luce autunnale... Incontrerete meno viaggiatori e avrete la sensazione di

avere un'esperienza di viaggio.
viaggiatori e avrete la sensazione di avere la steppa tutta per voi.
L'autunno è anche il momento in cui le famiglie nomadi cambiano campo e prendono posto nei loro alloggi invernali, rannicchiati l'uno nell'altro.
I quartieri invernali, nascosti in strette valli, sono protetti dai venti dominanti.
Potreste avere la fortuna di assistere o addirittura partecipare a una di queste transumanze.


Ma non sono solo le steppe, sono anche i colori autunnali della taiga o, un po' più avanti nella stagione,

le dune spolverate di neve del Gobi, sotto un tramonto.
più avanti nella stagione, le dune spolverate di neve del Gobi, sotto un tramonto a bassa angolazione...
Cammelli bactriani avvolti nei loro spessi cappotti....
Lungi dal dire che l'estate non è un periodo interessante per visitare la Mongolia, vale la pena sottolineare

i vantaggi di questi pochi mesi.

Di evidenziare i vantaggi di questi pochi mesi di cui nessuno parla, questi pochi mesi che sono

i mesi più importanti nella vita dei nomadi della steppa, il cui fascino è spesso trascurato.
 

E poi c'è l'inverno in Mongolia
La notizia che circola è spaventosa... La Mongolia, la cui capitale è la più fredda del mondo, è la più fredda del mondo.
del mondo e le temperature possono scendere fino a -35°C.
Sì, è tutto vero, ma non è la regola generale.
Sì, le temperature possono scendere molto, ma è un freddo molto secco e si sente molto più freddo che

in Europa, per esempio.
Un freddo secco, con una buona giacca, dei buoni guanti, ecc... è molto sopportabile e i viaggiatori che hanno

già viaggiatori che hanno già fatto questa esperienza sono rimasti sorpresi.


Negli ultimi anni, però, ci sono stati i capricci del tempo, per non dire del riscaldamento globale,
che vale anche per la Mongolia, dove gli inverni sono meno rigidi, un criterio importante che rende l'inverno

mongolo accessibile a tutti. Grazie al freddo estremamente secco 20°C sono come -5°C in Europa.

 

L'inverno è un periodo speciale dell'anno che vi invitiamo a scoprire.
Con un'illuminazione semplicemente favolosa, i cieli notturni sono un incanto permanente.
un incanto permanente. Per quanto riguarda l'accoglienza nella yurta, in inverno fa molto più caldo che in estate.
Le famiglie nomadi si rifugiano nei loro accampamenti invernali, rannicchiati nelle cavità delle valli al riparo dal vento.
al riparo dal vento, generalmente rivolti verso sud per sfruttare al meglio il calore dei raggi solari.
i raggi del sole. In questo periodo dell'anno, i nomadi hanno poco lavoro da fare.
montagne, sotto l'unica protezione di tori e stalloni; solo gli animali giovani e il bestiame
Solo gli animali giovani e quelli necessari alla sopravvivenza della famiglia rimangono nelle vicinanze dell'accampamento.


Naturalmente, ci sono alcune faccende quotidiane: tagliare la legna, occuparsi dell'acqua, portare il bestiame fuori dai recinti dove hanno trascorso la notte.
Ma questo lascia molto tempo libero e i visitatori sono i benvenuti.


L'inverno è quasi il periodo migliore per scoprire o riscoprire la Mongolia. Sarete tra
Sarete tra i pochi turisti a vagare per le steppe e i deserti, con la vastità tutta per voi.

 

bottom of page