top of page

La yurta mongola attraverso la storia

La yurta è senza dubbio l'emblema della Mongolia, la sua storia e le sue origini si perdono nella notte dei tempi. Ma per cominciare, è importante sottolineare che la parola "yurta" potrebbe derivare dal russo, mentre altri sostengono che l'origine della parola sia turca; fatto è che il termine usato dai mongoli è "ger".

La ger rappresenta così una finestra sulla storia e la cultura dei popoli nomadi della Mongolia ma anche di vari gruppi nomadi nelle steppe dell'Asia centrale. Le gers sono tradizionalmente costituiti da un tetto con al centro una corona sostenuta da pali, su cui sono fissati i traversi; le pareti sono fatte di una specie di intreccio di legno e l'intera struttura è rivestita di feltro. Meraviglia di ingegnosità, la ger resistere ai venti violenti dell'inverno e rilascia calore grazie al suo isolamento.

Le prime tracce relative alla ger risalgono a più di 3.000 anni fa, in quel periodo si trattava ancora di abitazioni che assomigliavano a dei tipi, con la loro caratteristica forma arrotondata. Erodoto (500 a.C.) descrive le abitazioni degli Sciti che percorrevano le vaste distese del Mar Nero e del Mar Caspio, queste descrizioni sono molto simili alla ger; si trovano anche tracce di abitazioni rotonde e coniche sui petroglifi risalenti alla fine dell'età del bronzo, scoperti a Minusinsk, in Russia, che sono molto simili alla ger attuale.


La ger è stata una evoluzione logica derivante dall'aumento del diametro dei tipi o delle capanne ancestrali.

I primi racconti famosi che parlano della yurta risalgono all'epoca del grande impero mongolo e dei grandi viaggiatori come Guglielmo di Rubruck e Marco Polo, che scriveva ne "I viaggi":

"Le loro capanne o tende sono formate da steli ricoperti di feltro, e poiché sono perfettamente rotonde e ben assemblate, possono essere raccolte in un unico pacchetto che portano con sé durante le loro migrazioni su una sorta di carro a quattro ruote."



Parlava allora delle yurte della corte dei grandi khan, così come di quelle dei generali e signori della guerra di rango inferiore, le cui gher erano costruite direttamente su carri, strutture che potevano essere di dimensioni enormi, richiedendo diverse decine di buoi per essere trainate durante i cambi di campo. Le famiglie di rango inferiore e gli allevatori nomadi avevano mezzi più limitati e smontavano le loro yurte per trasportarle a dorso di yak o cammelli.

La ger tradizionale ha un diametro di circa 5 metri, ma i racconti storici dimostrano che ne esistevano di molto più grandi. Questi racconti rivelano che sotto l'Impero mongolo c'erano diverse versioni di gher: "tende simili a abitazioni fisse con pilastri decorati con foglie d'oro e tessuti ricamati con motivi colorati cuciti con fili di tendine; gher smontabili più piccole, compatte e facili da montare e smontare, e grandi gher non pieghevoli, montate su carri...".

In quel periodo non c'erano teli esterni di cotone e la struttura in legno era semplicemente ricoperta da uno strato di feltro; abitare in una ger bianca era riservato ai dignitari. Tuttavia, dato che il feltro bianco era estremamente raro e richiedeva una grande quantità di lana bianca, il cronista del XIII secolo Guglielmo di Rubruck riferisce che i Mongoli usavano polvere di ossa, gesso e argilla bianca per sbiancare le loro gher.

Durante la época dorada del Imperio mongol creado por Gengis Khan, la primera capital fue construida en el sitio donde actualmente se encuentra la ciudad de Kharkhorin, siendo el centro del imperio y el cruce de numerosas rutas trazadas en ese tiempo, como la Ruta de la Seda, la del sal y la del té.

En la corte del Gran Khan, se recibían a los notables mongoles, generales del ejército, así como a emisarios extranjeros, comerciantes y otros dignatarios. Fue así como en 1658 se construyó la ger más grande jamás vista hasta entonces, llamada "Bat-Ulzii", con un diámetro de más de 20 metros y una altura de casi 10 metros.

Hoy en día aún se pueden ver los vestigios de piedra de su base y los soportes de los postes en Kharkhorin, dentro de los muros del monasterio de Erdene Zuu, el primer monasterio budista de Mongolia.

Te invitamos a leer próximamente un artículo sobre la yurta contemporánea.

Comentários


bottom of page